Scrivere una tesi di laurea triennale: step e consigli utili

scrivere tesi triennale

Sei finalmente un laureando e vuoi scrivere la tesi per completare il tuo percorso di laurea triennale? Segui i nostri consigli per la stesura e l’impaginazione di un elaborato coi fiocchi.

Scrivere una tesi di laurea: consigli per la triennale

Hai finalmente superato tutti gli esami o stai per sostenere gli ultimi? È arrivato il momento di scrivere la tesi di laurea triennale.

Innanzitutto, è perfettamente normale che tu abbia dei dubbi sulla stesura di un lavoro che non hai mai realizzato prima.

Dalla scelta dell’argomento a quella del relatore, dal modo in cui raccogliere le fonti a come strutturare e scrivere il testo della tesi di laurea, le cose da sapere sono diverse e prima di iniziare a buttare giù le prime bozze è necessario che tu abbia tutte le informazioni corrette a disposizione.

Tesi di laurea triennale: come iniziare

Rispetto alle lauree magistrali, le tesi triennali sono molto brevi (questo dipende dai corsi di laurea, ma in genere non si superano mai le 50 pagine) e sono per lo più compilative, anche se in alcuni casi sono ben accette tesi sperimentali o progetti, soprattutto nelle facoltà più tecniche, come ingegneria.

Ricordati che l’argomento della tesi di laurea deve essere concordato con il tuo relatore: pensa alla materia e al professore con cui vorresti scrivere la tesi ed elabora alcune proposte da fargli.

Sappi che non tutti i professori lavorano allo stesso modo: alcuni potranno accettare o meno le tue proposte, darti tema libero oppure assegnarti loro un argomento.

Una volta concordato l’argomento, inizia a ricercare il materiale bibliografico, consultando le biblioteche, gli archivi o comprando i testi che ti servono.

Prima di iniziare a scrivere la tesi, leggi tutto il materiale e inizia a selezionare le parti che ritieni importanti e prova a buttare giù un indice che dovrai mostrare al professore. Solo dopo avere ricevuto il suo ok, potrai iniziare a redigere il testo.

La struttura di una tesi di laurea

Una volta che sarai pronto per iniziare a scrivere la tesi di laurea triennale, ricordati che questo tipo di elaborati ha sempre la stessa struttura rigorosa da seguire.

Frontespizio: contiene il logo dell’Università, il corso di laurea frequentato, l’anno accademico, il titolo della tesi, il tuo nome e quello del relatore. Nonostante occupi la prima pagina, è l’ultima parte da realizzare, quando avrai deciso il titolo finale della tesi.

Indice: ogni tesi deve contenere l’indice con i capitoli e i numeri di pagina, come se fosse un vero libro di testo.

Introduzione: l’elaborato deve includere un’introduzione nella quale spieghi in breve qual è l’argomento di cui parlerai, il motivo per cui l’hai scelto, il metodo utilizzato nella stesura della tesi e un riassunto breve di ogni capitolo. L’introduzione si scrive sempre alla fine, dopo che avrai il testo completo e quindi anche la corretta divisione in capitoli con i contenuti giusti.

Capitoli divisi in paragrafi e sotto-paragrafi: a questo punto, si passa al testo vero e proprio. Una tesi triennale è generalmente divisa in 2-3 capitoli, ognuno dei quali a sua volta è strutturato in paragrafi e sotto-paragrafi per rendere più chiari e leggibili i contenuti. Ogni pagina deve contenere, inoltre, le note bibliografiche a piè di pagina per ogni volta che citi direttamente o indirettamente autori presenti nella tua bibliografia.

Conclusione: al termine della tesi, dovrai scrivere altre 2-3 pagine nelle quali esprimerai le tue opinioni personali sull’argomento, suggerendo anche quali potrebbero essere ulteriori approfondimenti da fare sulla questione.

Bibliografia e sitografia: è fondamentale che ogni tesi abbia una bibliografia e sitografia completa, quindi ricordati di annotare man mano tutti i testi, gli articoli di giornale/riviste, libri, saggi e i siti web che hai utilizzato nella stesura della tesi.

Ringraziamenti (opzionali): prima dell’introduzione o alla fine della tua tesi, puoi inserire dei ringraziamenti personali al professore, ai tuoi amici, familiari, fidanzato/a o a chi ritieni sia stato importante nella redazione della tesi e nel supportarti durante il percorso universitario.

Come scrivere una tesi triennale su Word: stile e impaginazione

Quando scrivi la tesi su Word ricorda di usare queste accortezze:

Lo stile di scrittura

Ricordati che la tesi deve essere oggettiva (conclusioni a parte) e contenere un linguaggio formale e consono alla materia trattata.

Lo stile dei paragrafi, font, grassetti e corsivi

La tesi di laurea deve presentarsi come un lavoro ordinato e stilisticamente chiaro e facilmente leggibile. Per questo devi scegliere un solo font che utilizzerai per tutto il testo. Questo deve essere chiaramente leggibile (es. Arial, Calibri, Verdana…), mentre sono assolutamente da evitare font particolari, corsivi e caratteri gotici.

Scegli anche un unico stile per i titoli dei capitoli, uno per quelli dei paragrafi e uno per quelli dei sotto-paragrafi. Per quanto riguarda la formattazione dei paragrafi, in genere viene richiesta l’interlinea 1,5 e il giustificato.

Note a piè pagina e numero di pagine

Per realizzare una tesi di laurea, è necessario creare le note a piè di pagina nelle quali inserirai, appunto, tutte le note che rimandano al testo. Lo stesso vale per il numero della pagina.

Bordi e margini

Un’altra cosa a cui fare attenzione sono i margini: considera infatti che dovrai lasciare dello spazio a margine per la rilegatura. Molte facoltà stabiliscono delle regole precise in proposito, dettando quali sono le misure dei margini da utilizzare nella redazione della tesi.

Stampa fronte/retro

Un altro punto da chiarire, al momento della stampa, è se questa deve essere fronte/retro o meno: spesso le università impongono delle loro regole.

Hai bisogno di un aiuto per scrivere la tua tesi per motivi di lavoro o di mancanza di tempo? Word to Working è a tua disposizione! Contattaci via mail e parlaci del tuo progetto.

Segui anche la nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato su tutte le novità e promozioni.

Ileana Barilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *