Blocco per la tesi di laurea? Ecco come ripartire

blocco tesi di laurea

Devi scrivere la tua tesi di laurea ma hai un blocco? Ti senti confuso e scoraggiato? Non farti prendere dall’ansia: scopri i nostri consigli per ripartire alla grande.

Se da una parte scrivere la tesi significa arrivare finalmente alla laurea, una volta raggiunta la tanto sospirata meta, tuttavia, le cose cambiano. Scopri, infatti, che scrivere la tesi di laurea è molto più complicato di ciò che ti aspettavi. Scegliere l’argomento, chiedere al professore giusto, cimentarsi nella raccolta dei dati: queste sono solo alcune delle problematiche da affrontare.

Le cose si complicano ulteriormente in fase di scrittura. Scrivere una tesi di laurea è infatti un lavoro lungo e impegnativo. La forza di volontà a volte non basta e non di rado (purtroppo) si prova una sensazione di impotenza davanti ad un foglio bianco. Ansia, stress ed insonnia caratterizzano le tue giornate.

Quello che devi assolutamente fare è non scoraggiarti e considerare che questa fase di blocco fa parte del percorso di scrittura della tesi di laurea.

Scrittura tesi di laurea: come ripartire dal blocco

Fai pulizia

Il disordine e l’accumulo di dati, grafici, e tabelle sul tuo pc è uno dei maggiori problemi che spesso affligge gli studenti, soprattutto durante la stesura della tesi.

La scrittura della tesi è il risultato di un progetto lungo mesi: avere un’enorme quantità di materiale è una conseguenza. Preso dalla fretta e dalla frustrazione di dover scrivere, spesso non ti accorgi nemmeno di lavorare nel caos.

Ricorda che il disordine attorno a te si riflette in automatico sulla tua mente.

La prima cosa da fare è fare ordine. Prendi un hard disk esterno e inserisci tutti i dati e le cartelle che hanno a che fare esclusivamente con la tua tesi. Non eliminare nulla, carica anche presentazioni o tabelle che per il momento ritieni inutili o che non ricordi.

L’obiettivo è quello di creare spazio sia fisico/digitale che nei tuoi pensieri.

Qualità vs Quantità

Fatto questo lavoro, chiudi in computer, distraiti e datti del tempo libero.

Adesso che hai in qualche modo ripulito scrivania, mente e computer imponiti di puntare di investire il tuo tempo in qualità.

Sai bene che stare seduto di fronte la scrivania per ore e ore non sempre porta risultati. Prova a cambiare le tue abitudini e cerca di valutare in modo obiettivo in quale momento della giornata sei più produttivo.

La tesi come una storia da raccontare

A questo punto prendi un foglio bianco ed una penna. Prova a pensare alla tua tesi come ad una storia da raccontare e prova a fare brainstorming. Qual è il messaggio o concetto che vuoi esprimere? Quali sono le nozioni e il ragionamento che supportano la tua storia? Quali sono i punti da approfondire?

Se non riesci a scrivere, se credi che i paragrafi che stai scrivendo siano troppo frammentati e disconnessi l’uno dall’altro, fermati e prova a fare ordine fra i tuoi pensieri.

Esponi la tua storia

Non c’è cosa più difficile che spiegare in modo semplice un argomento complesso e specifico. Adesso che hai individuato il concetto chiave della tua tesi, prova ad esporlo ad altri in modo semplice.

Chiedi ad un amico, un parente, a qualsiasi persona che non abbia minimamente idea del tuo progetto di ricerca. Coinvolgere altre persone in questa fase creerà infatti nuovi ponti di comunicazione fra te e tutti coloro che deciderai di avere accanto. Ti sentirai meno solo ed avrai la possibilità di capire meglio quali concetti approfondire e su quali puoi sorvolare.

Da dove cominciare a scrivere

A questo punto arriviamo ad una delle domande principali. Da dove cominciare a scrivere?

C’è chi propone di cominciare dai risultati, chi dai materiali e metodi, e altri ancora che propongono di cominciare da qualsiasi punto che non sia l’introduzione.

In realtà dipende da:

  • l’argomento che stai trattando
  • la tua conoscenza e il livello di “confidenza” che hai sui concetti chiave
  • dal tuo personale modo di esprimerti attraverso la scrittura

Non ragionare troppo in termini di capitoli, ma in blocchi di informazioni e di come questi sono collegati gli uni agli altri.

Parti da ciò che conosci meglio, senza essere troppo critico con te stesso e con la consapevolezza che ciò che scrivi all’inizio non è ciò che consegnerai al tuo relatore.

Hai seguito i nostri consigli, ma hai comunque un blocco e hai bisogno di un aiuto per scrivere la tua tesi di laurea per motivi di lavoro o di mancanza di tempo? Word to Working è a tua disposizione! Contattaci via mail e parlaci del tuo progetto.

Segui anche la nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato su tutte le novità e promozioni.

Ileana Barilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *