Sai come scrivere l’introduzione della tesi di laurea?

Come scrivere introduzione tesi

Scopri come scrivere l’introduzione della tesi per partire subito con il botto.

Innanzitutto, l’introduzione è il primo capitolo della tesi di laurea e, di conseguenza, si considera come il suo punto di partenza. Qui puoi descrivere brevemente l’argomento della tesi, formulare la tua ricerca e fornire una panoramica generale. In questo modo il lettore avrà fin da subito le idee chiare.

In questa sezione dovrai quindi:

  • Introdurre la tematica: qual è l’obiettivo principale dello studio e qual è l’argomento trattato?
  • Catturare l’interesse del lettore: assicurati di catturare l’attenzione sin da subito, usando esempi chiari che hanno a che fare con l’attualità o la vita quotidiana.
  • Dimostrare l’importanza dello studio e convincere della sua importanza pratica e scientifica.

Come scrivere l’introduzione della tesi: la struttura

Un’introduzione efficace è generalmente composta da 6 elementi:

Presentazione dell’oggetto della tesi

Prova ad esporre in modo sintetico il tema trattato nella tua tesi di laurea, in modo da presentarlo al meglio. Queste righe rappresentano le prime parole dell’elaborato, che introdurranno chi legge alla tua ricerca e al suo obiettivo.

Motivazione

Successivamente alla presentazione, spiega le motivazioni che ti hanno spinto a scegliere di approfondire proprio questo argomento. Chi legge sarà così più interessato a continuare a sfogliare il resto della tesi.

Obiettivi del lavoro

È importante mettere subito in evidenza su cosa ti sei concentrato, in modo da far capire cosa aspettarsi dalla lettura dell’elaborato. Usa argomentazioni valide e illustra la rilevanza del tuo studio citando articoli e cercando di collegarli tra loro. Inoltre, indica quali saranno i capitoli.

Metodologia di ricerca

Spiega in breve l’approccio utilizzato durante la ricerca, selezionando le metodologie più rilevanti e riassumendone le tappe.

Breve descrizione della struttura dell’elaborato

Riassumi ogni capitolo in massimo un paragrafo, elencando i punti salienti e assicurati che non ci siano troppe ripetizioni di parole o di concetti.

Cenni alle conclusioni

Nella parte finale, esponi i punti di forza e i risultati raggiunti dal tuo lavoro di ricerca, rimandando alle conclusioni per ulteriori dettagli. Sii sintetico: lo scopo di questa sezione è semplicemente introduttivo.

Introduzione: quando è meglio scriverla?

Anche se si trova all’inizio, non significa che è necessario scrivere l’introduzione prima di iniziare la ricerca. Anzi, più ti addentrerai nella ricerca, più sarà facile scrivere una buona introduzione: non preoccuparti se all’inizio non riesci a scrivere questa parte.

Ricorda che solo quando avrai finito di scrivere la tesi, avrai una corretta visione d’insieme del lavoro svolto e il modo in cui è stato fatto. Questi sono elementi fondamentali per la stesura di una buona introduzione.

Lo stile di scrittura

La scrittura deve essere sia chiara che concisa: evita dunque frasi troppo complesse e periodi lunghi. Dovrai poi essere sintetico, in quanto l’introduzione alla tesi di laurea in genere non deve superare le 3 pagine.

Traccia subito il quadro della situazione e spiega chiaramente perché hai deciso di trattare questo tema.

Non essere troppo ripetitivo e scrivi solo ciò che è davvero importante per introdurre adeguatamente l’argomento della tua ricerca.

Assumi uno stile accattivante che invogli il lettore a continuare a leggere il tuo elaborato, senza ovviamente tralasciare il lessico e il linguaggio, che devono essere coerenti al tema e alla circostanza.

Evita i tempi passati, in quanto il lettore la leggerà come prima cosa.

L’introduzione va poi pensata e scritta per un lettore che conosce in modo superficiale il tema della tua tesi.

Evita quindi di dare per scontata la conoscenza di termini tecnici che non siano di uso comune o elementari. Anche nell’introduzione spendi qualche riga per definire i concetti più astratti per un pubblico che non sa nulla dell’argomento della tua ricerca.

Questo perché chi legge l’introduzione deve poter rapidamente controllare l’effettiva utilità di ogni singola parte o capitolo rispetto agli obiettivi del lavoro.

Ecco quindi alcuni consigli utili su come scrivere l’introduzione della tua tesi.

Hai seguito i nostri consigli, ma hai comunque bisogno di un aiuto per scrivere la tua tesi per motivi di lavoro o di mancanza di tempo? Word to Working è a tua disposizione! Contattaci via mail e parlaci del tuo progetto.

Segui anche la nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato su tutte le novità e promozioni.

Ileana Barilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *