Vai al contenuto

Il film della settimana: La La Land (2016)

la la land

Nuova settimana, nuovo film: oggi parliamo del musical La La Land di Damien Chazelle.

La pellicola, che ha ricevuto un’ampia acclamazione dalla critica e ha ottenuto numerosi premi, incluso un Oscar come Miglior regista, è un omaggio ai classici musical di Hollywood, con una storia moderna ambientata a Los Angeles.

La La Land: trama e recensione

Mia (Emma Stone), aspirante attrice, e Sebastian (Ryan Gosling), musicista jazz, si incontrano mentre stanno cercando di realizzare i propri sogni nel mondo dello spettacolo.

Mia lavora in un bar mentre cerca di ottenere ruoli da attrice, ma finisce per essere costantemente respinta alle audizioni. Sebastian, invece, è un pianista appassionato di jazz che sogna di aprire un club tutto suo, ma si ritrova costretto a suonare in locali che non rispecchiano il suo amore per la musica.

Dopo alcuni incontri casuali, Mia e Sebastian iniziano a frequentarsi e a sostenersi a vicenda nei loro obiettivi professionali. Tuttavia, le pressioni della vita e le sfide della carriera mettono a dura prova la loro relazione.

Mentre Mia ottiene finalmente un’opportunità di successo con un’audizione importante, Sebastian deve affrontare una scelta difficile: perseguire i suoi sogni o accettare un lavoro ben remunerato che lo allontanerebbe dalla sua passione.

Nel corso del film assistiamo alle loro gioie, alle loro lotte e alle loro ambizioni, mentre cercano di equilibrare la realizzazione dei propri sogni con la possibilità di mantenere una relazione significativa.

Il film culmina in un finale toccante e controverso che offre una riflessione profonda sulla natura dei sogni e dei sacrifici che comportano.

Te lo consiglio perché

La La Land è noto per la sua straordinaria direzione artistica, le coreografie elaborate e le esibizioni musicali coinvolgenti. La colonna sonora, composta da Justin Hurwitz, è stata particolarmente apprezzata e ha vinto diversi premi, tra cui l’Oscar per la Miglior Colonna Sonora Originale e la Miglior Canzone Originale per “City of Stars”.

Il film è anche noto per il suo finale, che ha suscitato reazioni contrastanti da parte del pubblico e della critica. È un’opera cinematografica affascinante che mescola con maestria nostalgia e innovazione. La sua capacità di catturare l’essenza del cinema classico mentre affronta tematiche contemporanee la rende una pellicola che merita sicuramente di essere vista e rivalutata.

Tu hai una passione incredibile e la gente adora le persone che hanno una passione perché gli ricorda quello che hanno dimenticato.

Mia

Ileana Barilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *